ITALIA SMETTI DI SCEGLIERE: RIFLETTI, PENSA E COSTRUISCI IL TUO FUTURO

di A.G. “Io non mi sento italiano ma per fortuna o purtroppo lo sono” Giorgio Gaber “Per andare avanti bisogna guardare indietro”, non per ripetere il Passato, ma per inventare un Futuro dalle misure umane. Alessandro Falassi Dal tempio della musica italiana (Sanremo 2011) Roberto Vecchioni con la sua canzone vincitrice del festival lancia un grido d’allarme alle nuove generazioni: “…stanno uccidendoci il pensiero”. Il prof. Vecchioni ha capito che nelle moderne democrazie è ormai presente da tempo un’arma letale: l’informazione, o meglio, la comunicazione dell’informazione. Si tratta di uno strumento di offesa che paralizza il pensiero e trova terreno fertile soprattutto in quelle società che si definiscono democratiche. Grazie al pluralismo dell’informazione il potere della comunicazione penetra in qualsiasi … Leggi tutto “ITALIA SMETTI DI SCEGLIERE: RIFLETTI, PENSA E COSTRUISCI IL TUO FUTURO”

MMT: Bernie Sanders apre nuovo fronte per il Partito Democratico USA

di Francesco Chini Riportiamo un articolo di Vox.com, a firma di Dylan Matthews, nel quale si evidenzia il crescente ruolo della MMT nella discussione economica e politica degli Stati Uniti e l’importanza del senatore Bernie Sanders, il quale, tra l’altro, potrebbe candidarsi alle presidenziali del 2016 portando proprio i temi della Modern Money Theory nel dibattito statunitense. Un documento giornalistico quindi importante, che fa seguito alla nomina di Stephanie Kelton quale Economista Capo alla Commissione Bilancio per la minoranza, anche per capire le dinamiche internazionali in cui è inserita la MMT e da ribadire con forza in sede nazionale. Fonte:  www.vox.com Traduzione: Francesco Chini MMT Una nuova prospettiva per il Partito Democratico degli Stati Uniti d’America I repubblicani – nuovamente … Leggi tutto “MMT: Bernie Sanders apre nuovo fronte per il Partito Democratico USA”

Strage di Parigi: cui prodest?

  Di Stefano Zecchinelli per L’Interferenza.info 1. Il linguista statunitense Noam Chomsky illustrando le strategie della manipolazione mediatica, scrive: ‘La maggior parte della pubblicità diretta al gran pubblico, usa discorsi, argomenti, personaggi e una intonazione particolarmente infantile, molte volte vicino alla debolezza, come se lo spettatore fosse una creatura di pochi anni o un deficiente mentale. Quanto più si cerca di ingannare lo spettatore, più si tende ad usare un tono infantile. Perché? “Se qualcuno si rivolge ad una persona come se avesse 12 anni o meno, allora, in base alla suggestionabilità, lei tenderà, con certa probabilità, ad una risposta o reazione anche sprovvista di senso critico come quella di una persona di 12 anni o meno (vedere “Armi silenziosi … Leggi tutto “Strage di Parigi: cui prodest?”