E’ così semplice…

“…When ideology declines, the capacity of the unions to achieve results also declines. The processes of orderly collective bargaining, even when they bring results, tend to be also so complex and bureaucratic that they produce disaffection. Rank and file workers do not recognize themselves in such a bureaucratic process and they tend to drift away, which means that the more trade unions and working-class parties accept regular procedures, the weaker they become in their capacity to mobilize their followers and to put real pressure on the system….”

Essere contro l’Euro.

Essere contro l’Euro perché ha svantaggiato l’economia italiana o essere contro l’Euro perché contrario agli ideali della Costituzione? Per capirlo basta chiedersi: “Se fossi tedesco sarei contento dell’Euro?” Secondo me per una buona metà degli anti euro italiani la risposta sarebbe si. Se dall’uscita dall’Euro la spuntano i liberisti/liberali la nostra Costituzione continuerà a non essere rispettata. Quindi i nostri diritti. Questo sito é contro l’Euro perché l’Euro é espressione del Liberismo, quindi contrario ai principi, valori e ideali della Costituzione italiana del 1948.

Il debito pubblico e l’alcool.

Il debito pubblico italiano oggi si consuma più velocemente che da altre parti nei locali di Torino. A Torino ci sono 100mila universitari, da città operaia è passata a città universitaria. I vostri nonni, contadini, i vostri genitori, operai o impiegati. Voi universitari. Vi state bevendo tutto il lavoro dei vostri genitori, e i risparmi dei vostri nonni. Pronti a migrare in un altro posto dicendo che schifo l’Italia. Avete studiato per quasi vent’anni ma siete stupidi che non avete capito un cazzo di dove state. Del mondo che pensate di conoscere. Quando ti bevi un coca e rum quei soldi sono una parte del debito pubblico del ’76. Almeno che non li abbia guadagnati tu, isieme con l’affitto di … Leggi tutto “Il debito pubblico e l’alcool.”

La durezza del vivere

“…Nell’Europa continentale, un programma completo di riforme strutturali deve oggi spaziare nei campi delle pensioni, della sanità, del mercato del lavoro, della scuola e in altri ancora. Ma dev’ essere guidato da un unico principio: attenuare quel diaframma di protezioni che nel corso del Ventesimo secolo hanno progressivamente allontanato l’individuo dal contatto diretto con la durezza del vivere, con i rovesci della fortuna, con la sanzione o il premio ai suoi difetti o qualità…” Tommaso Padoa-Schioppa Il Liberismo Darwinista. Cioè la teoria evoluzionistica di Darwin mixata con l’ideologia del libero mercato. Darwin diceva che in natura sopravvive il più adatto, chi si adatta meglio con l’ambiente cirostante. Il Liberismo dice che in economia se si lasciano le persone libere di … Leggi tutto “La durezza del vivere”