VENTI DI PASSIONE, MA ATTENTI ALLA RAGIONE – Riflessioni sul Sud Europa in Movimento

Demetrios vive a Patrasso, segue Syriza dal referendum: un “evento epocale“. Stephanos è un greco oriundo di Alicante e aveva capito da tempo: è antiTsipras ma spera in Iglesias e milita in Podemos. E pure Georgia, greca che vive in Italia, traduce articoli contro Syriza e il “nuovo Renzi Greco“, ma spera nei 5 Stelle, nei “prima o poi, grazie a Grillo“. Tutti loro sono consapevoli dei problemi di fondo: l’euro, la Ue, la Finanza, le multinazionali, l’assenza di sovranità nazionale. Quando si mettono in moto delle emozioni collettive, quando partecipiamo attivamente al raggiungimento di un obiettivo sentito profondamente e lo vediamo evolversi o involversi da vicino, siamo molto meno obiettivi perchè troppo coinvolti emotivamente. Siamo suggestionabili e fragili, ansiosi … Leggi tutto “VENTI DI PASSIONE, MA ATTENTI ALLA RAGIONE – Riflessioni sul Sud Europa in Movimento”

LA LUNGA NOTTE DEL LAVORO – Quando il Cinema incontra la realtà

“E’ normale, al loro posto accetterei anche io“. Sandra lo ripete più volte, anche al marito che la supporta incondizionatamente. Vaga per la cittadina belga di Seraing (dove i fratelli Dardenne hanno ambientato tutti i loro film), è in campagna elettorale per il referendum. Va di porta in porta, secondo programma. Un’altalena sconvolgente di emozioni, tra disperazione e speranza, tra calore umano e avidità, tra egoismo e solidarietà. Due figli piccoli, il marito commesso in una tavola calda. Ne va del loro futuro, anche perchè altrimenti dovrebbero “tornare ad abitare in una casa popolare“. Il titolare dell’impresa ha da tempo riorganizzato senza di lei, assente per malattia; adesso è rientrata, sta meglio. Ma il suo destino è di nuovo in … Leggi tutto “LA LUNGA NOTTE DEL LAVORO – Quando il Cinema incontra la realtà”

NON POSSIAMO. Grecia, Spagna, Italia. Esiste reale alternativa al neoliberismo?

La Soluzione finale della questione greca induce non poche riflessioni, sempre che non ci diciamo europei solo per astratto vicinato e quando dobbiamo subire imposizioni da qualche burocrate ex consulente di banche d’affari. Innanzitutto cos’è Syriza? Non è certo un partito di Sinistra – se per Sinistra si intende ancora la tutela e la promozione degli interessi delle classi lavoratrici -, come non è un partito guidato da interessi popolari, ma sostenuto da interessi americani. Plateale l’appoggio del Fmi, con lo studio sull’insostenibilità del Debito greco, reso pubblico nel bel mezzo della campagna referendaria e ripreso dallo stesso Primo ministro nel discorso alla nazione successivo alla vittoria. Tsipras ha cancellato con un tratto di penna lo Stato greco, posto le … Leggi tutto “NON POSSIAMO. Grecia, Spagna, Italia. Esiste reale alternativa al neoliberismo?”

GRECIA, DALLA SPERANZA ALLA TRAGEDIA – La cavia di nuovo in laboratorio, l’esperimento continua

Poco più di sei mesi di ossigeno virtuale, poi il condannato, la cavia, ovvero il popolo, è stato rispedito nella camera di tortura con una violenza senza pari. E’ il prezzo per aver gridato coraggiosamente “Oxi“: No all’austerità. Che invece il governo collaborazionista ellenico, l’ennesimo della Storia, ha utilizzato come delega in bianco per rendere strutturale la povertà presente e futura della propria gente, nonchè per svendere addirittura l’intero paese ai potentati transnazionali, alla finanza, alle multinazionali. Come globalizzazione crea. Si sono fatti imporre persino l’apertura domenicale dei negozi, diktat sui periodi dei saldi, regimentato pane, latte e proprietà delle farmacie. Privatizzare significa PRIVARE il Popolo di un qualcosa che appartiene a tutti. La Treuhandanstalt fu un’ invenzione del 1990, … Leggi tutto “GRECIA, DALLA SPERANZA ALLA TRAGEDIA – La cavia di nuovo in laboratorio, l’esperimento continua”

LO VUOLE IL POPOLO – Il referendum greco del 5 Luglio sarà davvero la svolta?

ATENE La paura e la speranza, chi detiene Potere, qualsiasi esso sia, usa l’una per imporsi e l’altra per legittimarsi. Far votare il proprio popolo su un accordo che di fatto non è più sul tavolo, è come scaricare su di esso tutto il peso di una responsabilità collettiva che non può avere: un popolo che per il 45% vive ormai al di sotto del livello di povertà, un popolo che da mesi nasconde i risparmi di una vita intera negli armadi, nelle scatole da scarpe, un popolo che ormai vive blindato in veri e propri caveau, a prova di intruso. Ma il furto più grave potrebbe arrivare proprio domani mattina, senza infrazioni, senza alcun segno di scasso, aprendo semplicemente … Leggi tutto “LO VUOLE IL POPOLO – Il referendum greco del 5 Luglio sarà davvero la svolta?”

RICCHI E POVERI. COM’E’ POTUTO ACCADERE?

  Sembra impossibile che paese di sessanta milioni di abitanti non riesca ad avere un’economia che possa sostenere l’intera popolazione, consentendole un buon tenore di vita. Peraltro, è lo stesso paese tra le prime potenze industriali del pianeta. Un paio di decadi fa. Una natalità al livello dell’Italia preunitaria (Istat, 2014), al Sud più morti che vivi (Rapporto Svimez 2014). Ben 8 milioni di persone non svolgono alcuna attività lavorativa (Censis,2014) e un polacco ormai guadagna più di un napoletano (Istituto di statistica europeo, 2011). E la dolce vita? E’ solo quella del 10% della popolazione che possiede il 50% della ricchezza (2014, Il Sole 24 Ore). Come è potuto accadere? I primi accenni di deindustrializzazione e di finanziarizzazione dell’economia … Leggi tutto “RICCHI E POVERI. COM’E’ POTUTO ACCADERE?”

Per un prossimo 25 Aprile

Vox Populi, settanta anni dopo, rende omaggio e gratitudine a tutti quegli italiani che combatterono per liberarci dallo Straniero e dal bisogno, per la costruzione della Repubblica Democratica fondata sul Lavoro. Tanti anni dopo, ci risiamo. Lo Straniero, il bisogno, la povertà diffusa: purtroppo è solo l’inizio di quel che verrà. Non fatevi incantare dalla retorica, la dittatura c’è, ma ha un altro stile, altre sembianze e altri strumenti repressivi: l’insicurezza economica, il ricatto, lo schiavismo moderno. Il LIBERISMO, in tutte le sue forme, è il nemico e oppressore dei Popoli. Le parole di Giacomo, giovanissimo eroe e martire, sono più attuali e illuminanti che mai. Buona Lettura, per un prossimo 25 Aprile di conoscenza, coscienza e azione collettiva. Cari … Leggi tutto “Per un prossimo 25 Aprile”

GRECIA, PROVE TECNICHE DI FUTURO. IL NOSTRO

ATENE Non è affatto il nuovo Bangladesh europeo, come i media internazionali si ostinano a dipingerla; la Grecia è dolosamente e strumentalmente brandita a minaccia, a monito di cosa accadrebbe al futuro dei popoli europei se non accettassero ancora più austerità e sacrifici. E’ un piccolo paese di appena undici milioni di abitanti, dove la maggior parte dei cittadini possiede un immobile di proprietà. Il vincolo esterno ha causato devastazioni senza pari sul tessuto economico, sociale e civile. Da queste parti, tutti ormai sanno cos’è la TROIKA (triade composta da Fmi, Commissione Ue, Bce): licenziamenti, tasse, tagli salariali e previdenziali, privatizzazioni, distruzione dei contratti collettivi di lavoro, disoccupazione di massa, che significa anche esclusione dal Servizio Sanitario Nazionale (ad oggi, … Leggi tutto “GRECIA, PROVE TECNICHE DI FUTURO. IL NOSTRO”

CRISI, E’ DAVVERO COLPA NOSTRA?

Evasione fiscale, Corruzione, Inefficienza, Pressappochismo, Assistenzialismo. Un autorazzismo inoculato da anni, un senso di colpa collettivo e permanente, che peraltro ha antiche radici, non proprio laiche. Cosa stiamo realmente vivendo? Ed è davvero COLPA NOSTRA? Proviamo a decifrare la propaganda dei media, cerchiamo di liberarci dall’indottrinamento veicolato dalle istituzioni culturali forgiate dal pensiero dominante e da quel maledetto peccato originale: “essere italiani”. Vediamo come funziona l’economia reale: Le parti in gioco sono tre: Lo Stato (Settore Pubblico), Famiglie, imprese e banche (Settore Privato), il resto del mondo (Settore Estero). L’EVASIONE FISCALE è una disfunzione che rientra esclusivamente all’interno del Settore Privato: un riequilibrio di quest’ultimo tramite una severa opera di controllo e repressione, unita a politiche conseguenti di rimodulazione del … Leggi tutto “CRISI, E’ DAVVERO COLPA NOSTRA?”

SVEGLIARSI CONVIENE

Globalizzazione, tra sogni altrui e incubi quotidiani Secondo il filosofo Fernando Savater “La realtà è ciò che oppone resistenza” e la nostra quotidianità lo dimostra. Il rapporto Censis 2014 arriva a certificare quasi 8 milioni tra disoccupati ed inattivi. Eppure “L’Italia uscirà presto dal tunnel”, avete mai sentito queste parole? Il Sogno americano si è tramutato in incubo globale. Per l’altra sua declinazione europea, i 25 milioni di disoccupati (al 7.2014) dovrebbero già dare la giusta proporzione al dramma che stiamo vivendo. Altra partita è quella dei precari e dei sottoccupati, altri milioni a carrettate già nel mattatoio del Mercato libero. Fino a qualche anno fa, persino le enciclopedie facevano fatica a definire la mondializzazione in progress: “interconnessione di…, integrazione … Leggi tutto “SVEGLIARSI CONVIENE”