Un passo avanti

Un passo avanti

Il potere significa essere sempre un passo avanti nel possesso e nello sfruttatamento delle informazioni. Bisogna avere le informazioni giuste e per averle bisogna avere la capacità di saperle individuare. Per trarne beneficio le devi saper sfruttare e avere la volontà di farlo.

Google Adwords è lo strumento che fornisce, o meglio che forniva, Google, per sapere il numero di ricerche per una certa parola chiave effettuate sul suo motore. Qualsiasi parola, lettera o frase voi scrivevate su Adwords, lui vi restituiva il numero di volte che qualcuno nel mondo l’aveva cercata; su Google ovviamente, non su Yahoo, Bing o altri motori di ricerca (o Baidu, il “Google” in ideogrammi e Yandex, il “Google” in cirillico). Ma Google, in occidente, e nel mondo, è il più conosciuto e usato; negli Stati Uniti arriva al 65%, in tutto il mondo supera l’80%.

Google Adwords è soprattutto lo strumento per fare pubblicità su Google. Lo strumento per sapere il volume i ricerca delle parole chiave era una funzione di Adwords, che serviva agli utenti per sapere dove scegliere di fare pubblicità, su che parola chiave. Google per molto tempo ha lasciato questo strumento libero a tutti. Bastava un account di Google, una mail di Gmail, per accedere ad Adwords, e quindi al suo strumento per la ricerca delle parole chiave e del loro volume di ricerca, che fa l’80% del totale nel mondo.

Nel luglio 2016 Google limita per la prima volta l’utilizzo del suo strumento. Per poter vedere i dati esatti del volume di ricerca delle parole chiave è ora necessario avere una campagna pubblicitaria attiva. Cioè, gli devi dare soldi. Perchè lui faccia comparire il tuo sito fra i risultati sponsorizzati del suo motore di ricerca (quelli che vedete in alto o in basso con la sigla “Ann.”). Oggi, fine maggio 2017, anche se hai una campagna pubblicitaria attiva, hai un numero limitato di ricerche giornaliere. La tendenza è chiara.

Google Adwords viene utilizzato per vari motivi, ma principalmente sono economici. Puramente economici, cioè atti a ricavare un profitto dalle informazioni che Adwords ti da. Ma il profitto non consiste solo nel vendere un prodotto, consiste anche nel farti votare per un certo partito. Utilizzando Adwords si poteva sapere liberamente quali erano le domande delle persone, delle masse. Potevi, dalle loro domande, capire le loro attitudini, e prevederne le mosse, analizzando le tendenze.

Google Adwords, l’80 delle ricerche sul web nel mondo, era lo strumento che le elites usano per governare. Per avere le informazioni necessarie a governare le masse. Certo, era quello che lasciavano a noi, solo le briciole. Confrontando i dati di Facebook, Twitter e Amazon loro sanno di te cose che non sa neanche tua madre. Però quelle briciole erano già tanto. Per noi.

Loro sapevano che solo una ristretta minoranza della popolazione sapeva di Adwords e lo sapeva usare. E loro sapevano anche che la quasi totalità di chi lo sapeva usare lo faceva per fini economici. Individualistici. Ma loro sono un passo avanti. Hanno più informazioni e le sanno sfruttare.

Certo, qualcuno dirà che è solo per affari, per denaro. Ma vedendo le attitudini dei proprietari, a pensare male si fa bene.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *