Accusare la corruzione per corromperci la mente.

Da anni ormai i media sembrano prestare particolare attenzione al fenomeno della corruzione pubblica. Ne si esaltano i casi e se ne parla come problema diffuso, insito nel nostro carattere e di cui dobbiamo liberarci se vogliamo che l’economia riparta.

Questo fenomeno mediatico é diffuso non solo in Italia ma anche molto in Grecia e Spagna.

Negli anni è stato abilmente usato per distrarci e per preparare il terreno quando dovevamo mandare giù la pillola tutte le volte che l’alta finanza e le grandi imprese multinazionali esigevano le riforme. Ma non solo.

“Ma, soprattutto, l’inettitudine dei pubblici amministratori inclinava fortemente l’uomo pratico verso il laissez-faire; sentimento che non è affatto scomparso.” Questa frase é di Keynes, del 1929. E si riferiva al fatto che l’inettitudine dei governi aristocratici nel ‘700 spinse verso l’ideale individualista, che per la borghesia nascente si concretizzava nella libertà dei commerci, e quindi nel futuro ideale liberista.

Qual’é l’effetto di anni di bombardamento mediatico sulla corruzione a noi italiani?

Sono aumentati di molto quelli che non vanno più a votare, e l’individualismo é sempre più diffuso. In compenso quelli che a votare ci vanno, danno il loro voto a un partito che mostri la faccia pulita della lotta alla corruzione, o che addirittura ne faccia il suo cavallo da battaglia.

Il fatto é che fra tutti, sia quelli che votano che quelli che non votano, quasi nessuno sappia cosa sia il laissez faire. Però tutti, siamo sempre più individualisti.

Se per le elites é un’affermazione di ciò che possono fare, per i nuovi oppressi del 21° secolo é la speranza di ciò che potrebbero fare. Che per qualcuno significa investire tutti i tuoi risparmi in un’attività in proprio, per qualcun’altro significa prendere il grattaevinci giusto.

La politica corrotta non ci può aiutare, meglio pensare per noi stessi. Questo é l’effetto della propaganda della corruzione sulla classe lavoratrice.

Sulla classe media benestante e medio alta l’effetto è più diretto. Si passa dal disprezzo per la corruzione pubblica all’amore per il liberismo senza passare dal via.

Un conto in banca che ti permette di guardare più in la che alla fine del mese ti fa già sentire sopra la media. In questa situazione di crisi per tutti, tu comunque ce la fai.

Liberismo e individualismo in fondo sono la stessa cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *