SOVRANISTI VS EUROPEISTI. TU DA CHE PARTE STAI?

“Sovranisti“. Fino a pochi mesi fa erano dei piccoli gruppi agguerriti che portavano avanti battaglie politiche e culturali. Erano ridotti negli scantinati delle sale congressi e delle piattaforme virtuali. Oggi sono al governo, nella maggioranza di governo o con il governo. Assieme a diversi di quegli intellettuali che prima illuminavano i sotterranei: senza strutture organizzate di riferimento, senza media e senza soldi. Ebbene si, i “populisti” si sono tramutati in sovranisti e hanno vinto le elezioni del 4 marzo. Quindi, finalmente ci siamo: con la “manovra del popolo” inizierà la rivoluzione, o almeno, sarà il governo “del cambiamento“. Poco importa se è in costruzione l’ennesima manovra recessiva in avanzo primario; poco importa se gli esponenti di primo piano del governo … Leggi tutto “SOVRANISTI VS EUROPEISTI. TU DA CHE PARTE STAI?”

Il volano del liberismo

Il volano è un organo meccanico atto a limitare gli eccessi di energia meccanica motrice sul lavoro meccanico totale (o di quest’ultimo sull’energia motrice) in macchine a regime periodico. In definitiva, ciò si riduce a mantenere più uniforme la velocità angolare dell’albero motore. Questa è la definizione di “volano” data da Wikipedia.it A coloro i quali non fosse ancora chiaro perchè ci sono Di Maio e Salvini invece che Cottarelli, basta sostituire la parola “volano” con la parola “governo giallo-verde”, “eccessi di energia meccanica motrice” con “tensione sociale”, “macchine a regime periodico” con “capitalismo” e a “mantenere la velocità angolare dell’albero motore” con “mantenimento dello status quo” (o “normalizzazione”) Era chiaro già dalle dichiarazioni di Di Maio appena uscito dal … Leggi tutto “Il volano del liberismo”

TROPPO RUMORE PER NULLA: UN GOVERNO TSIPRAS IN ITALIA

O anche “UNA MONTAGNA ERA IN TRAVAGLIO E PARTORÌ UN TOPO!” – Luciano Da Dimitris Kazakis Il nuovo primo ministro italiano Giuseppe Conte si rivolse martedì 5 giugno al parlamento per la prima volta chiedendo il voto di fiducia per il suo governo al Senato. Le sue dichiarazioni programmatiche furono un  déjà vu per noi greci. Un nuovo Tsipras ha assunto il dovere di ingannare i cittadini italiani. Il governo di Giuseppe Conte ha giurato in fretta e furia mercoledì scorso allo scopo di frenare l’ indignazione popolare e di impedire che la Festa della Repubblica del 2 giugno potesse diventare l’avvio di un rinascimento democratico dell’Italia in cui l’iniziativa passi dalle direzioni di partito alla base popolare. Così la … Leggi tutto “TROPPO RUMORE PER NULLA: UN GOVERNO TSIPRAS IN ITALIA”

IL “GOVERNO DEL CAMBIAMENTO” CHE PIACE A WASHINGTON E’ QUELLO CONTRO BERLINO

NASCE IL GOVERNO CONTE: ALTERNANZA O VERA ALTERNATIVA? “L’Italia ha una importanza a livello globale, in questo momento siete il centro della politica mondiale” (1) , così Steve Bannon, ex stratega di Donald Trump, in visita a Roma da qualche giorno. Il Presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte è sempre a colloquio col Presidente della Repubblica, la lista dei ministri ancora non è nota pubblicamente, eppure arriva già il placet da New York del Segretario di Stato Mike Pompeo: “L’amministrazione Trump è pronta a lavorare col nuovo governo italiano appena sarà formato (2)”. Proprio nel giorno dell’istituzione dei dazi su acciaio e alluminio contro l’Unione Europea (3), Pompeo non la cita neppure. Si rivolge solo all’Italia: “ alleato affidabile della … Leggi tutto “IL “GOVERNO DEL CAMBIAMENTO” CHE PIACE A WASHINGTON E’ QUELLO CONTRO BERLINO”

KAZAKIS (EPAM): IL FASCISMO AL SERVIZIO DEI MERCATI

Riceviamo e pubblichiamo le riflessioni del grande economista Dimitris Kazakis, Presidente di EPAM,  il più grande partito sovranista della Grecia. IL FASCISMO AL SERVIZIO DEI MERCATI di Dimitris Kazakis (*) Giorni di ottobre 1922 rivive l’Italia. Allora il garante della Costituzione sovrano Vittorio Emmanuele III costringe il primo ministro Luigi Facta a dimettersi e il 29 ottobre conferisce l’ incarico di formare un governo al fascista Mussolini, il cui partito fascista aveva soltanto due seggi al parlamento. Insieme all’incarico fu rimesso nelle mani dei fascisti tutto lo stato. L’intero apparato statale, l’esercito e la giustizia. Erano favorevoli tutti i partiti borghesi, i quali hanno così voluto impedire ai socialisti di arrivare al potere. Tutto questo perchè? Per servire i grandi … Leggi tutto “KAZAKIS (EPAM): IL FASCISMO AL SERVIZIO DEI MERCATI”

LUIGI DE GIACOMO: “LA REPUBBLICA COSTITUZIONALE e quella che ancora non c’è”

  Riceviamo e pubblichiamo un nuovo prezioso contributo di Luigi De Giacomo,  fondatore e promotore del percorso “Attuare la Costituzione”. La designazione di Sergio Mattarella a Presidente della Repubblica rispose ad una scelta accurata, quella di un profilo (giurista proveniente dalla Corte e politico di lungo corso omogeneo all’area PD, ma di spiccata formazione DC), che fosse adeguato a ciò che bisognava compiere definitivamente: il passaggio dalla Repubblica costituzionale, così come l’abbiamo conosciuta dal 1948, ad una “Repubblica” che ancora non c’è, quella europea, senza Costituzione, regolamentata da trattati tra Stati membri. Un lavoro conclusivo, dunque, che seguiva la traccia già segnata dal suo predecessore, Giorgio Napolitano. Fu per questo che, appena insediato, ebbi a definirlo il “becchino” della Costituzione. … Leggi tutto “LUIGI DE GIACOMO: “LA REPUBBLICA COSTITUZIONALE e quella che ancora non c’è””

LUIGI DE GIACOMO: “LA POVERTA’ NON E’ UN INCIDENTE DI PERCORSO”

Riceviamo e pubblichiamo un nuovo prezioso contributo di Luigi De Giacomo,  fondatore e promotore del percorso “Attuare la Costituzione”. — “Dedico questa breve riflessione a tutte le persone che consapevolmente vivono questa diffusa illegalità costituzionale, perchè ognuna si senta responsabile della risposta collettiva che è necessario, ed urgente, organizzare”. Luigi De Giacomo LA POVERTA’ NON E’ UN INCIDENTE DI PERCORSO Senza l’impoverimento culturale di intere generazioni non è possibile ridurre un intero popolo in povertà economica: così, lontano dall’essere un incidente di percorso, la povertà nel nostro Paese, che è oramai “strutturale”, risponde ad una precisa strategia nazionale ed internazionale, ed alle direttive di un neoliberismo imperante. Nel 1948, il 18 aprile, aveva inizio il primo tentativo di governo “costituzionale”, … Leggi tutto “LUIGI DE GIACOMO: “LA POVERTA’ NON E’ UN INCIDENTE DI PERCORSO””

LUIGI DE GIACOMO: “ALDO MORO, LA STRAGE CHE UCCISE L’ULTIMO TENTATIVO DI ATTUARE LA COSTITUZIONE”

  Perchè Aldo Moro? Riceviamo e pubblichiamo il grande contributo di Luigi De Giacomo,  fondatore e promotore del percorso Attuare la Costituzione. Buona lettura. ALDO MORO, LA STRAGE CHE UCCISE L’ULTIMO TENTATIVO DI ATTUARE LA COSTITUZIONE Di Luigi De Giacomo La storia recente del nostro Paese non è argomento di grande interesse: alcune generazioni hanno preferito rimuoverla, per le nuove generazioni essa spesso non esiste. Eppure ci sono avvenimenti che più di altri hanno condizionato profondamente la società italiana, facendole cambiare corso. L’uccisione di Aldo Moro rimane, insieme a quella di Giacomo Matteotti, l’episodio più drammatico nello scenario politico italiano in tempi di pace, un avvenimento tragico così enorme ma che sembra essere oggi quasi dimenticato. Aldo Moro, tra i … Leggi tutto “LUIGI DE GIACOMO: “ALDO MORO, LA STRAGE CHE UCCISE L’ULTIMO TENTATIVO DI ATTUARE LA COSTITUZIONE””

IL PD HA PERSO, IL PD2 HA VINTO. VERSO UN GOVERNO TECNICO A 5 STELLE?

  Gli esecutori materiali della lettera  Trichet/Draghi (2011), cioè i governi Monti, Letta, Renzi e Gentiloni hanno perso le elezioni. Le misure contenute nella missiva targata Banca Centrale Europea sono diventate programma attuativo: “nel nostro schema la persona veniva portata alla soglia di povertà, la famiglia veniva portata alla soglia di povertà“, ha confessato in tv l’ex ministro del Lavoro ed ex presidente Istat, Enrico Giovannini. Naturalmente, arricchendo le grandi aziende e le grandi banche nazionali ed internazionali.  Ricchezza che se ne va: dai salari ai profitti. Ecco perché il Partito Democratico (PD) ha perso la battaglia. Eppure da decenni il PD è lo Stato, è la struttura Stato, lo Stato neoliberista incaricato di realizzare ciò che è già globale. … Leggi tutto “IL PD HA PERSO, IL PD2 HA VINTO. VERSO UN GOVERNO TECNICO A 5 STELLE?”

AGVox: “UNA CIVILTA’ SENZA SOLDI, VOTATA AL PROFITTO”

Ringraziamo l’amico A.G. Vox: ancora una volta, ha voluto condividere con VOX POPULI i propri studi e le proprie riflessioni.  Pubblichiamo il suo ultimo lavoro e teniamolo ben presente, soprattutto in vista delle prossime elezioni politiche del 4 Marzo p.v. . Buona lettura. “UNA CIVILTA’ SENZA SOLDI, VOTATA AL PROFITTO” di  A.G. Vox Nel 2001, con l’avvento dell’euro, l’Italia ha perso la sovranità monetaria e con essa le ultime forze dello Stato-impresa a produrre una politica economica nel reale interesse del Paese. Già a partire dall’ultimo decennio del secolo scorso, un ampio processo di privatizzazioni aveva ridotto la presenza dello Stato nelle aziende e nel corso del decennio successivo i governi hanno perfezionato il disegno neoliberista riducendone l’intervento anche nel … Leggi tutto “AGVox: “UNA CIVILTA’ SENZA SOLDI, VOTATA AL PROFITTO””